“Per vedere cosa c’è sotto il proprio naso occorre un grande sforzo”

Mi piace sbirciare nelle case altrui, spiarne gli interni e gli abitanti tra le tende lasciate distrattamente un po’ scostate. Luci calde dorate, luci al neon, librerie antiche, un sofà sdrucito. Immaginare le vite degli inquilini e le stanze non visibili può essere un buon esercizio di fantasia.
Per questo non tollero il Grande Fratello: lì TUTTO è predisposto alla visione; non si ‘spia’ davvero, se tutti sanno di essere in vetrina. Cosa sbirciamo se tutti sanno che ci siamo dietro i mille occhi delle cam?
No. La magia scatta quando osservi di nascosto. Quando per caso entra nell’orizzonte del tuo sguardo un inconsapevole qualcuno. E’ realtà in presa diretta, questa. Non ci sono filtri, pose, copioni. E’  la verità.
E comunque sbagliavo a dire che mi piace ‘spiare’,  piuttosto, mi piace ‘osservare’, perché io
le tende
non le ho.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...