Questione di Orizzonti

large (5)

Una mattina il professore di filosofia ci confessò che la cosa più bella che un uomo possa dire ad una donna è “il mio orizzonte è nei tuoi occhi” o meglio “i tuoi occhi sono il mio orizzonte”, spiegando poi che l’orizzonte, in filosofia, non è più termine astronomico. In Kant, ad esempio, è il limite della nostra conoscenza…

in Leopardi è un’irreprimibile tensione verso l’infinito…

in Husserl è la relazione continua di ogni istante presente, tra passato e futuro…

 
orizzonte: Il termine astronomico, che indica la linea, mobile e dinamica, che divide la Terra dal cielo, viene utilizzato metaforicamente in filosofia per indicare in generale il limite in cui si separano, ma anche si collegano, l’indeterminato e il determinato,

il finito e l’infinito,

con riferimento, innanzitutto, allo spazio.

È soprattutto con l’età moderna, e in partic. con le scoperte geografiche e la rivoluzione astronomica, che misero in discussione l’idea di un mondo finito, che il termine ha avuto larga fortuna, con un accentuato aspetto di dinamismo e di apertura rispetto all’infinito: nel proclamare l’infinità dell’Universo e dei mondi, Bruno parlerà così degli «innumerabili orizzonti mondani» che si schiudono a partire dagli «innumerabili astri» che popolano l’Universo (De l’infinito, universo e mondi, 1584).

In Kant, il termine, largamente usato, viene applicato al campo della conoscenza, nell’ambito della nuova prospettiva critica, e acquista un importante connotato soggettivo, pur non mutando sostanzialmente di significato: esso designa il limite, la finitezza della nostra conoscenza nei suoi vari ambiti (logico, estetico, ecc.).

Con l’idealismo e la cultura romantica, l’accentuarsi ulteriore del dinamismo e dell’attenzione all’infinito, protagonista della rinata metafisica, non modifica in modo sostanziale il significato del termine: per es., nel più romantico dei suoi componimenti poetici, Leopardi parlerà della siepe «che da tanta parte de l’ultimo orizzonte il guardo esclude» (L’infinito), facendo dell’esperienza dello sguardo verso l’orizzonte la metafora più congrua dell’irreprimibile tensione del finito verso l’infinito.

E anche quando in altri autori di questa corrente e periodo storico-culturale si può cogliere una sfumatura negativa del termine, rimane acquisita la sua sostanziale ambiguità: l’orizzonte si pone insieme come limite e tramite rispetto all’infinito. Nel 20° sec. Husserl connota il termine in un senso accentuatamente temporale: nelle Idee per una fenomenologia pura e una filosofia fenomenologica (1913), egli caratterizza ogni istante presente («ora») come dotato di un «suo o. del prima» e di un suo «o. del dopo»: l’o. è insomma il concetto a cui viene fatto appello per spiegare come in ogni momento della nostra esperienza vissuta noi siamo aperti contemporaneamente verso il passato (ritenzione) e verso il futuro (protenzione).

La tensione fra finito e infinito viene dunque colta come una caratteristica di ogni momento della nostra esperienza vissuta. Anche se la soggettivizzazione del termine era stata già largamente compiuta da Kant, Husserl, collocandolo nel cuore della coscienza e della sua esperienza della temporalità, lo allontana più decisamente dalla sua origine astronomica e dal suo legame con lo spazio, ed è in questa accezione che il termine ha avuto soprattutto corso nella successiva filosofia novecentesca.

Dizionario di filosofia (2009)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...