Torino

Torino è stata una sorpresa.

L’avevo immaginata così tante volte che pensavo già di conoscerla. Sulla scia delle immagini di un film o di quelle evocate da un racconto avevo visto una città operaia e una città padrona, una città signora, ricca ed austera, e una città sgualdrina, triste e indifesa. Una città barocca e risorgimentale insieme, una città del nord che è anche a tutti gli effetti città del sud…

Ho realizzato che Torino è sì tutto questo, ma molto altro ancora. E’ impossibile racchiuderla in una semplice definizione. Come le fiabe, non sono mai semplicemente quello che raccontano.

Ho scoperto una Torino medievale, quella della contrada Guardinfanti, una Torino che non dorme mai come i ragazzi che si incontrano nei bar di Piazza Vittorio, una delle più grandi d’Europa; una Torino che odora di pane appena sfornato, tra le scale di casa, e che ha dato i natali ad Indiana Jones, il nostro Ernesto Schiaparelli. Ho scoperto una Torino scrigno di un’antichità affascinante, di un tempo in cui i cuori venivano pesati, i corpi svuotati e la morte era solo il passaggio a un’altra vita. Ho scoperto una Torino regale e principesca che quando si siede a tavola, però, sa essere una verace buongustaia…

Ti conosco ancora poco, patria dell’auto e del design, del gianduiotto e del Pepino, della tv e l’aperitivo: 48ore non bastano mica per far conoscenza e chiamarti “amica”. Ti dico allora “Ciao Signorina!”, “A presto!”, bramosa come sempre

di vedere tutto il resto…

IMG_1686 (1) CAM00708Tomini e speck.

CAM00776Parco del Valentino

CAM00655Largo IV Marzo

CAM00672

Chi ha avuto la fortuna di ammirare una piramide dal vivo sa che la punta è l’unica cosa che non si riesce mai a vedere. Io mi consolo così: ho avuto la fortuna di ammirare la vetta. Adesso mi manca la piramide…

CAM00679

CAM00682Museo Egizio di Torino, giochi di luci e di specchi

CAM00683La pesatura del cuore: Anubi, ‘Signore della bilancia’, controlla e regola la precisione dello strumento.

CAM00687Trattamento dei nemici dell’Egitto: calpestati.   Mi viene in mente una frase da “Non ci resta che piangere..” : “Noi ti salutiamo con la nostra faccia sotto i tuoi piedi, senza chiederti nemmeno di stare fermo, puoi muoverti quanto ti pare e piace e noi zitti sotto”…

CAM00688

Cucùù!…

CAM00689

Il nostro Indiana Jones: Ernesto Schiaparelli!

CAM00705

That’s aMole!

CAM00714

Lasciatemi quiiii!!!…

Museo del CinemaCAM00732 CAM00758

Il Castello del Valentino

CAM00775

Uno scorcio del giardino roccioso nel Parco del Valentino…

Bye Byeeee! ❤

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...