Toronto è una foresta/Con aiuole di palazzi

torontoQuando vi arrivarono i primi conquistatori spagnoli vedendo quell’immensa distesa di neve deserta esclamarono “Acà nada”, e cioè “qui non c’è niente“. Si dice che il Canada prendi il suo nome proprio da questa storia. Gli spagnoli erano in cerca di oro, gemme e altre materie prime, ma non trovarono altro che neve, freddo e lupi. Per me la storia è stata ben diversa: qualcosa di prezioso l’ho trovato.

“Toronto” deriva il suo nome da una parola di lingua urona che significa “incontro”: è stato questo il mio tesoro.

Un incontro molto speciale, con due amiche che oramai sono per me come due sorelle. E insieme a loro ho scoperto, io per la prima volta, un paese strano e affascinante, con leggi severe e persone ospitali, con inverni a -40° ed estati afose, centinaia di razze e due lingue ufficiali, grattacieli tra le nuvole e un’intera città sotterranea… Ma andiamo con ordine.

Ecco un elenco di tutte le cose buffe/originali/diverse e divertenti che ho visto a Toronto:

1) I semafori sono lontani dallo stop. Le ragazze sono venute a prendermi all’aeroporto con la macchina e la prima cosa che ho visto di Toronto sono state le sue strade, i macchinoni giganti (perchè qui a dicembre sono sommersi dalla neve) e i semafori lontanissimi dallo Stop. Se non lo sai che ti devi fermare 100 metri prima è un gran casino. Praticamente in un incrocio così:

incrocio

Nella foto l’incrocio tra Yonge Street (1896 km, la strada più lunga del mondo) e Dundas Street su Dundas Square

Il tram bianco e rosso deve guardare questo semaforo qui e fermarsi prima delle strisce:

incrocio semaforo

2) Hai gli orsetti lavatori in giardino. A Toronto o si vive in casa (villetta singola con giardino) o in condominio (qui li chiamano ‘condo’, assomigliano a dei grattacieli e sono superaccessoriati – c’è persino la piscina, la sala biliardo, il ping-pong e la sauna con palestra!…). Se vivi in villetta hai un giardino davanti e, molto probabilmente, un altro dietro casa. Qui ci sono i secchi della spazzatura, chiusi con elastici speciali perché i procioni avevano imparato ad aprire i bidoni normali! Sì, ci sono gli orsetti lavatori in giardino… (ma anche gli scoiattoli e i cervi per la strada).

3) Il tram si ferma in mezzo alla strada e fa scendere i passeggeri. Non accostano al marciapiedi, né ci sono pensiline. La fermata è segnata su di un palo a bordo strada. Quando c’è da fermarsi il tram si blocca, esattamente in mezzo alla carreggiata, e i pedoni scendono, attraversano la strada e raggiungono il marciapiedi…

4) Non è inusuale vedere persone che camminano con un vaso di fiori in mano. I canadesi si portano il centrotavola con i fiori a casa. Sono stati ad un matrimonio, ad un convegno, ad un baby-shower? Non importa, alla fine della festa ci si divide i fiori (e il vaso è in omaggio).

1433697617683

Il mio primo Baby Shower! ^^ Sì, ho portato a casa il vaso…

5) Ti chiedono SEMPRE come stai. Quando entri in un negozio, quando paghi alla cassa, quando vai a comprare il latte al supermarket, quando ordini da bere, quando chiedi un’informazione, ti chiedono sempre: “Come stai?”.

5) I soldi sono di plastica. Davvero. Se li stropicci non fanno una piega. Un dollaro viene anche chiamato ‘Loonie’ e due dollari ‘Toonie’.

1433179318728

6) Il latte è venduto nelle buste. Niente bricchi, bottiglie o contenitori in tetrapak. Il Canada può essere avanti quanto vuole, ma sul latte non ci siamo. Lo vendono solo in confezioni di plastica (tipo le bustone dell’insalata già lavata) e all’interno ci troverete altre buste di plastica più piccole, ognuna contente un Litro.

latte

7) Il biglietto dei mezzi pubblici è in realtà un bottoncino di metallo piccolissimo: il token. Questo affarino costa 3 dollari e va inserito in una macchinetta all’ingresso del bus. L’autista ti darà poi un biglietto che potrai utilizzare anche sulla metro (se prendi i trasporti combinati, ad esempio). Ci sarebbe da aprire un capitolo a parte sull’accesso alla metro, ma magari ci penseremo in un altro post

1432996826079

8) Le Indicazioni nella metro sono strane. Questo però lo devo raccontare. Non ci sono le indicazioni delle fermate, ma solo delle direzioni! I cartelli in metro segnalano: SUD – NORD – EST e OVEST. Vi giuro. Poi, una volta arrivati sul binario, verifichi se hai fatto la scelta giusta: lì, finalmente, c’è la lista delle fermate…

9) Il water è sempre pieno d’acqua. E io che pensavo già di aver combinato un casino… Il gabinetto, ogni volta che scarichi, si riempie d’acqua fin quasi all’orlo… Ma è tutto normale!

10) La bici si aggancia davanti al bus. In Canada ci si muove molto in bici, ma quando proprio non si può fare a meno di prendere un bus, la si attacca davanti! Sul musone dell’autobus viene tirata giù, come un’ala di uno stendino, una griglia su cui vengono bloccate le bike. Figo!

11) Per chiamare la fermata si tira una cordicella. Vuoi prenotare la fermata, ma non ti vuoi alzare dal posto? Guarda verso il finestrino: la vedi quella cordicella gialla? Tirala e il gioco è fatto.

12) In un paese così grande e sconfinato, dove il frigorifero è un’altra stanza della casa e le monoporzioni che trovi al super sono grandi quanto un vitello, stupisce il fatto che gli interruttori della luce siano minuscoli come dei sassolini bianchi allungati, dei bastoncini plasticosi che fuoriescono dal muro e che quasi non ce la fai ad acchiappare. Per non parlare poi delle prese: delle faccine spaventate!

presa

13) Al 13° punto come non menzionare l’assenza del tredicesimo piano da qualsiasi edificio, struttura e condominio? L’ascensore salta un piano e dal dodicesimo passa direttamente al 14°. Poveri noi.

ascensore

14) In Canada ci sono supermercati interi di prodotti sfusi! Un paradiso. Sono i famosi bulk barn. Ci trovi di tutto: frutta secca, caramelle, ingredienti di ogni tipo, ma soprattutto i mitici “preparati”. Puoi comprare sfusi i preparati di ogni tipo di dolce, base, ciambella, plumcake, capcake, pancake o qualsiasi altra cosa buona riesci a pensare. Compri la quantità che ti serve, aggiungi solo i prodotti freschi, tipo latte e uova, e mescoli tutto: fatto! Non ti dimenticare di portar via la ricetta, pronta da staccare come lo scontrino alla cassa. Incredibile. E’ come da noi la sezione delle torte in scatola cameo, ma qui è tutto sfuso e hai una grande varietà.

bulk-barn

15) The last but not the least: Hanno una fissa per i segnali più improbabili: sulla CN Tower ci tengono ad avvertire “Non fate l’uomo ragno sulla griglia protettiva”…potreste cadere dal 147settesimo piano!… Alle cascate del Niagara, invece, avvisano: “Non buttatevi!” e all’acquario? “Non accarezzate gli squaletti”. Non si sa mai…

spider
cascate

squali

Annunci

One thought on “Toronto è una foresta/Con aiuole di palazzi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...